Spotify Premium gratis per Android

Sono numerosi gli utenti che desiderano sapere che cosa si deve fare per avere gratis Spotify Premium. La risposta in realtà è molto semplice: è sufficiente conoscere Spotify Premium APK.

Prima, però, vale la pena di compiere un passo indietro e di ricordare che Spotify è già gratuito per tutti gli utenti. È solo Spotify Premium a essere a pagamento, per un costo pari a 9 euro e 99 centesimi al mese. 

Grazie ad esso, è possibile fare a meno di tutte le interruzioni pubblicitarie che caratterizzano la fruizione standard di Spotify. Inoltre, la versione Premium consente di ascoltare la musica anche offline o usando dei dispositivi mobili. In questo si differenzia dall’account gratuito di Spotify, che consente di ascoltare la musica unicamente dal computer, ma non dal tablet o dallo smartphone. In più, la versione di base di Spotify comporta, come si è detto, delle interruzioni pubblicitarie che potrebbero risultare fastidiose. Infine, è attivata di default nella playlist la riproduzione dei brani casuale.

Per tutte queste caratteristiche, dunque, in tanti tendono a preferire Spotify Premium, nella speranza che ci sia un modo di ottenere un account gratis.

Le procedure che state per leggere nelle prossime righe hanno unicamente uno scopo dimostrativo. Tale guida, infatti, ha un obiettivo prettamente didattico, il che vuol dire che non intende incentivare in alcun modo la pirateria. Vale la pena di ricordare che chi cracca Spotify si rende protagonista di un reato che può essere perseguito per legge: si tratta a tutti gli effetti di un atto illecito. Questo sito non vuole incitare all’adozione di comportamenti illegali, non distribuisce applicazioni illecite e non raccomanda l’uso di versioni di Spotify craccate. Esse, tra l’altro, rischiano di provocare danni ai dispositivi che vengono utilizzati per ascoltare la musica, oltre a esporre al pericolo di subire una sanzione di carattere amministrativo o penale. Questo sito non ha niente a che vedere con quelli citati qui sotto. Ribadiamo ancora una volta, quindi, che non suggeriamo l’uso dei siti pirata né distribuiamo versioni illecite o craccate di Spotify.

Come fare per ottenere gratuitamente una versione di Spotify Premium su Android

Nel caso in cui si usi già Spotify, la prima azione da compiere consiste nel disinstallare l’applicazione. Dopodiché è necessario effettuare il download dell’APK. Dopo aver accettato l’installazione di provenienza sconosciuta, il gioco è fatto. Il login di Facebook tradizionale non va bene, quindi bisogna impiegare un account che già esiste o un account normale. 

Qualora una versione di Spotify sia già stata installata, è indispensabile che essa venga rimossa. Solo dopo si può eseguire il download e procedere con l’installazione del nuovo APK. A questo punto, con il download che è stato completato e l’APK Spotify Premium che è stata installata, bisogna rimuovere la cache e cancellare dalle impostazioni i dati dell’app. L’applicazione adesso può essere avviata: nel caso in cui si riscontrino dei problemi con l’hack, è sufficiente chiudere l’app e poi eseguire di nuovo la rimozione dei dati.

Come si può notare, non c’è niente di troppo complicato, e in pochi passaggi si ha la possibilità di usare gratis un account Spotify Premium per ascoltare senza interruzioni e senza limiti tutta la musica che si vuole. A questo punto gli spot pubblicitari possono essere disattivati, e così non ci si deve più preoccupare delle interruzioni.

Che cosa bisogna fare per disattivare le pubblicità e gli ads di Spotify su un dispositivo Android

Anche per disabilitare le pubblicità di Spotify non c’è bisogno di procedure chissà quanto elaborate. Occorre, infatti, installare l’app AdAway, che si può trovare sul sito ufficiale. Dopodiché nella Source List, cioè la lista sorgenti, è necessario aggiungere il link adblock.mahakala.is in cui sono presenti i vari host. Ora non rimane che compiere un freezing disabling del ProxyHandler. Come si vede, nel giro di pochi secondi gli ads possono essere disattivati, e così si ha a disposizione l’APK su Android per usare gratis un account Spotify Premium.

È illegale Spotify Premium gratis su Android

La procedura che abbiamo descritto fino a questo momento prevede di adoperare le APK per Android allo scopo di fruire in maniera gratuita di Spotify Premium. Tuttavia, è opportuno mettere in evidenza che quello indicato è un metodo non legale, visto che permette di eludere il pagamento di un servizio e di servirsene gratis. La guida che abbiamo riportato è stata scritta unicamente per spiegare la procedura, con meri fini informativi: non intendiamo per nessun motivo spingere le persone a compiere un atto illegale. Esiste, poi, un altro modo per beneficiare del servizio Premium evitando il pagamento dell’abbonamento standard.

Come avere Spotify Premium su Android quasi gratis in modo legale

Non è detto che per riuscire a risparmiare denaro sull’abbonamento richiesto da Spotify ci si debba per forza macchiare di un atto illegale. Anche se la versione gratuita di tale servizio comporta delle limitazioni notevoli, sia perché impedisce di decidere quali canzoni ascoltare, sia perché prevede delle interruzioni per la pubblicità, questo non vuol dire che ci si debba sentire legittimati a mettere in atto un comportamento illecito.

Piuttosto, conviene fare riferimento a un altro metodo per avere Spotify Premium su Android quasi gratis. Si tratta di ricorrere a metodi legali che, di conseguenza, non espongono a rischi.

Spotify e l’abbonamento studenti

Gli studenti hanno la possibilità di risparmiare sui costi dell’abbonamento di Spotify approfittando di una soluzione che è stata studiata apposta per loro. Il servizio, infatti, permette di usufruire dell’abbonamento studenti Spotify, che costa 5 euro in meno rispetto a quello standard. L’abbonamento classico comporta una spesa di 9 euro e 99 centesimi, mentre quello per studenti costa 4 euro e 99 centesimi.

Ovviamente dover pagare quasi 5 euro ogni mese non è come poter contare su un servizio gratuito. Tuttavia se si decide di usufruire di un abbonamento studenti si può essere sicuri di rimanere nell’alveo della legalità e di non commettere azioni punibili dalla legge.

Per di più, i primi tre mesi sono gratuiti, in quanto sono di prova: quindi si può approfittare di ben 90 giorni di streaming musicale a costo zero. Va detto, però, che è possibile riscuotere i mesi gratuiti unicamente se si è già sottoscritto un abbonamento per il servizio Premium. A questa offerta possono accedere sia gli studenti delle scuole superiori, purché si tratti di istituti accreditati, sia gli studenti universitari.

Come fare per condividere gli abbonamenti

Un altro metodo che si può utilizzare per avere su Android Spotify Premium quasi gratis è rappresentato dalla condivisione dell’abbonamento. Si può usare, infatti, Spotify Family: si tratta di un piano di abbonamento che ha un costo di 14 euro e 99 centesimi e che si caratterizza per il fatto di poter essere sfruttato su 6 device nello stesso momento. Di conseguenza, se si distribuisce il costo complessivo su ogni utente si ha una spesa di 2 euro e 50 centesimi a testa al mese. Non si è obbligati, per altro, a condividere il piano di abbonamento con i propri familiari: un account di questo tipo può essere condiviso anche con gli amici, con i colleghi di lavoro, con i vicini di casa, e così via.

E che cosa si può fare se non si conosce nessuno che sia interessato a condividere questo piano di abbonamento? Non bisogna rassegnarsi a pagare la cifra piena, ma è sufficiente recarsi su un sito web che si chiama Together Price e che è nato proprio per favorire la condivisione di abbonamenti tra persone che non si conoscono. Si tratta di una piattaforma grazie a cui gli utenti che nutrono questo tipo di esigenza possono essere messi in contatto gli uni con gli altri. Così facendo si può approfittare del beneficio della condivisione pur non conoscendo direttamente amici interessati a quel servizio.

Una prima opzione è quella di realizzare un account Premium per poi raccogliere altri utenti al fine di condividere l’abbonamento; una seconda opzione, invece, è quella di condividere un abbonamento intestato a qualcun altro, semplicemente versando la quota dovuta al titolare dell’account.

Che cos’è Spotify mod APK

Si tratta di una delle app più diffuse e apprezzate, in quanto permette di rimuovere gli spot pubblicitari da Spotify e consente di fare a meno della riproduzione casuale obbligatoria nella playlist. Questa è, in sostanza, l’applicazione grazie a cui si può utilizzare gratis Spotify Premium.

Che peculiarità ha Spotify MOD APK? È bene mettere in evidenza che questa app per Android è illecita. Grazie ad essa è possibile fare in modo che il proprio account gratuito si tramuti in un account Premium.

Tuttavia per il momento non ci sono APK che permettono di ascoltare brani offline.

Che cosa cambia tra la versione classica di Spotify e la versione Premium?

La versione Premium mette a disposizione un bel po’ di funzioni in più, come per esempio quella di ricerca. Inoltre, è possibile importare brani dall’app Musica e selezionare la qualità audio più elevata. Non ci sono limiti per lo skip delle canzoni e non è più prevista la riproduzione casuale. Come si è già accennato, poi, non ci sono interruzioni pubblicitarie tra una canzone e l’altra.

Tutte le indicazioni che abbiamo fornito fino a questo momento non valgono per i sistemi Ios. Infatti, è solo per i device con sistema operativo Android che si può ottenere gratis Spotify Premium sfruttando APK. A questo punto, non rimane altro da fare che installare Spotify e scegliere se optare per un abbonamento per studenti, qualora si rientri in tale categoria, o se mettersi in cerca di persone con le quali condividere i costi e la praticità di un piano di abbonamento per famiglie, distribuito tra 6 utenti. 

Questa guida è aggiornata al:

Appassionato di INTERNET & MARKETING. Da oltre 10 anni mi occupo di strategie digitali per conto dei mie clienti. Sono anche il fondatore di Rubettino.it. Lo scopo del sito è quello di aiutare gli utenti a scegliere e selezionare i migliori servizi online nel settore della tecnologia.